Ex Alumix
Bolzano
via Volta, 11
LINEA DIRETTA
The rest of now
dal 17/7/2008 al 2/11/2008
lun - dom 10-19, ven 10-21
0471 414980
WEB - EMAIL
Segnalato da

Alessandra Santerini




 
Invia
 ::  playlist  ::  calendario eventi




17/7/2008

The rest of now

Ex Alumix, Bolzano

Network di opere d'arte e processi per uno spazio industriale abbandonato. Il residuo e' l'accumulazione di tutto cio' che e' lasciato da parte quando il valore viene ricavato; non esistono storie di residui, non ci sono atlanti dell'abbandono o memorie di cio' che una persona era ma non poteva essere. Spazio di abbandono e residuo, l'edificio solleva molte domande sulla vita dopo l'estrazione dal ciclo originario: cosa rimane quando non si trova piu' nulla? Cosa puo' essere recuperato e ricordato? Come puo' il residuo diventare motore di significato? Parte di Manifesta7 a cura di Raqs Media Collective.


comunicato stampa

a cura di Raqs Media Collective

L’estrazione del valore da qualsiasi materiale, luogo, cosa o persona, richiede un processo di raffinamento. Durante questo processo, l’oggetto in questione subisce un cambiamento di stato, scindendosi in almeno due sostanze: un estratto e un residuo.
Per quanto riguarda il residuo, esso può essere definito come ciò che non riesce a trovare un proprio spazio nelle narrative manifeste di come le cose e i fatti (oggetti, persone, stati o modi d’essere) sono prodotti e trovano una propria ragione d’esistenza. Il residuo è l’accumulazione di tutto ciò che è lasciato da parte quando il valore viene ricavato… non esistono storie di residui, non ci sono atlanti dell’abbandono o memorie di ciò che una persona era ma non poteva essere.
(Raqs Media Collective: With Respect to Residue, 2005)
Cosa traspare da un secondo sguardo più vicino alla velocità dei nostri tempi e alla narrazione del progresso?

A partire da queste considerazioni, il nostro sforzo consiste nella possibilità di sottoporre tali stati di fatto ad una riappropriazione critica. L’ambiente che raccoglie la mostra è una fabbrica di alluminio in disuso a Bolzano: spazio di abbandono e residuo, l’edificio solleva molte domande sulla vita dopo l’estrazione dal ciclo originario: cosa rimane quando non si trova più nulla? Cosa può essere recuperato e ricordato? Come può il residuo diventare motore di significato?

Siamo interessati a riflettere su che cosa succede quando le cose vengono valutate come elementi preziosi del mondo. Ciò prevede un rallentamento del ritmo ed un aumento di attenzione verso i processi che normalmente cercano di nascondere le tracce che si lasciano alle spalle. In un certo senso è il tentativo di fare i conti con l’amnesia auto-appagante del capitalismo e vedere cosa può essere salvato dall’oblio a cui normalmente sono destinati i residui della modernità.

L’obiettivo di creare un network di opere d’arte e processi per uno spazio industriale abbandonato ci sembra l’opportunità perfetta per invitare gli artisti – e alcuni che non sono propriamente artisti – ad allargare l’orizzonte di questa conversazione.

Mentre l’Europa è piena di spazi ed eventi artistici che occupano ex edifici industriali, rimangono delle domande su cosa questa associazione – di ricordo di potenza industriale e di malinconia dell’abbandono – voglia significare oggi. In un certo è sintomatico della riluttanza dell’Europa a fare i conti con alcuni aspetti del suo difficile cammino nel XX secolo.

ARTISTI
David Adjaye, Stefano Bernardi, Kristina Braein, Yane Calovski, Candida TV, contemporary culture index, Neil Cummings and Marysia Lewandowska, Harold de Bree, Latifa Echakhch, Marcos Chaves, etoy.CORPORATION, Anna Faroqhi, Ivana Franke, Matthew Fuller, Francesco Gennari, Ranu Ghosh, Rupali Gupte and Prasad Shetty, Anawana Haloba in collaboration with Francesca Grilli, Graham Harwood, Nikolaus Hirsch & Michel Müller, Hiwa K, Emre Hüner, Helen Jilavu, Sanjay Kak, Zilvinas Kempinas, Reinhard Kropf and Siv Helene Stangeland, Anders Krueger, Lawrence Liang, Charles Lim Yi Yong, m-city, Teresa Margolles, Walter Niedermayr, Jorge Otero-Pailos, Martin Pichlmair, Piratbyrån Party (featuring a performance by Jem Noble), Jaime Pitarch, Prof. Bad Trip, Kateřina Šedá, Dayanita Singh, TEUFELSgroup, Meg Stuart, Melati Suryodarmo, Jörgen Svensson, Hansa Thapliyal, Alexander Vaindorf, Judi Werthein, Graham Harwood, Richard Wright, Matsuko Yokokoji,
Darius Ziura

SPECIAL PROJECTS
Hot Desking: Four broadsheets, four cities, four events
A project in collaboration with Konstfack Curator Lab
Hot Desk Paris: J’aime beaucoup ce que vous faites
Hot Desk Istanbul: Muhtelif
Hot Desk Stockholm: Site Magazine
Hot Desk Rome: Nero Magazine

Tabula Rasa: 111 days on a long table
A project by Denis Isaia in conversation with Raqs Media Collective
“The Rest of Now” will be accompanied by a print publication edited by novelist Rana Dasgupta containing texts and images by Irina Aristarkhova, Ursula Biemann, Ingrid Book and Carina Hedén, Espen Sommer Eide, Lakhmi Chand Kohli, Anders Kreuger, Ove Kvavik, J Robert Lennon, Lawrence Liang, Daniel Magnusson, Christien Meindertsma, Naeem Mohaiemen, Jeffrey Schnapp, Ravi Sundaram, Jeet Thayil, Cédric Vincent, and others.

Ufficio Stampa Manifesta 7
Alessandra Santerini, 331.6703550
Chiara Costa, 349.1981349
e - mail: press@manifesta7.it

L’ anteprima stampa di Manifesta 7 avrà luogo
giovedì 17 e venerdì 18 luglio 2008.
Tutte le sedi espositive saranno aperte, dalle ore 10.00 alle 19.00, nei due giorni della vernice.

PROGRAMMA:
Giovedì 17 luglio: 10.00: Rovereto
incontro con il curatore e visita in anteprima della mostra

14.30: Trento
incontro con i curatori e visita in anteprima della mostra

Venerdì 18 luglio:
10.30: Franzenfeste/Fortezza
incontri con i curatori e visita in anteprima della mostra

14.30: Bolzano/Bozen
incontro con i curatori e visita in anteprima della mostra

L’inaugurazione al pubblico delle sedi si terrà sabato 19 luglio 2008

Ex Alumix
via Volta 11 , Bolzano (BZ)
Orari lunedì-Domenica: 10.00-19.00
Venerdì: 10.00-21.00
Biglietto 15 euro Valido per tutte le sedi.
Ingresso gratuito per bambini e ragazzi sotto i 18 anni, studenti universitari, persone disabili e anziani oltre i 65 anni.
MANIFESTA 7 MOBILITY CARD
Valida per 4 giorni a vostra scelta, nel periodo 17.07.-02.11.2008; include il biglietto di ingresso alla Biennale, il trasporto sulla rete ferroviaria regionale e sulle linee urbane che collegano alle sedi espositive, alla tariffa speciale di 21,00 euro.

  Share
IN ARCHIVIO [9]
Jopas
dal 5/10/2009 al 7/10/2009

Attiva la tua LINEA DIRETTA con questa sede