Museo d'Arte Contemporanea Sannio - ARCOS
Benevento
corso Giuseppe Garibaldi, 1 (Palazzo della Prefettura)
0824 29919 FAX 0824 312506
WEB - EMAIL - LINEA DIRETTA
La citta' che sale
dal 28/5/2007 al 30/9/2007
Martedi - Venerdi 16.30-20.30. Lunedi chiuso
WEB - EMAIL
Segnalato da

Museo Arcos




 
Invia
 ::  playlist  ::  calendario eventi




28/5/2007

La citta' che sale

Museo d'Arte Contemporanea Sannio - ARCOS, Benevento

We try to build the future. Il progetto e' focalizzato sugli sconfinamenti e gli sdoppiamenti tra i processi costruttivi della creativita' e il linguaggio dell'architettura. Il titolo si rifa' alle suggestioni di un'opera di Umberto Boccioni del 1910. Partecipano 15 artisti contemporanei, da tutto il mondo e di diverse generazioni; il percorso espositivo affianca alla creazione degli artisti i progetti di alcuni importanti architetti internazionali. A cura di Odile Decq e Danilo Eccher.


comunicato stampa

We try to build the future

a cura di Odile Decq, Danilo Eccher

La Provincia di Benevento e l’Agenzia dei Beni Culturali Art Sannio Campania presentano la mostra “La città che sale”. We try to build the future, a cura di Danilo Eccher con Odile Decq, inserita nei grandi progetti della Regione Campania che l’Assessorato al Turismo e ai Beni Culturali ha programmato per il 2007.

Arcos, il museo di Benevento dedicato all’arte contemporanea, inaugura la stagione espositiva 2007 con un grande progetto focalizzato sugli sconfinamenti e gli sdoppiamenti tra lo spazio e l’idea che prende forma, tra i processi costruttivi della creatività e il linguaggio dell’architettura. Il tema è quello della visionarietà costruttiva, dell’architettura e dell’arte contemporanea nella loro reciproca tensione anticipatrice e trasformatrice.

Il titolo della mostra prende avvio dal titolo e dalle suggestioni dell’opera di Umberto Boccioni del 1910 e si propone come un percorso di investigazione sulla natura della costruzione, sulla sua materialità, sull'istantaneità e sull'illusione tradotte sul piano visivo e simbolico ma anche della spinta utopica. La mostra esplora la dimensione di un‘arte che alla contemplazione e alla descrizione preferisce un pensiero agito, il sogno di un azzardo e la possibilità di futuro, misurandosi con la capacità di interagire e modificare lo spazio e l’ambiente circostanti. La progettazione e la costruzione sono dunque il terreno di sperimentazione reale ed ideale di un’arte che vuole spingersi oltre.

La mostra si sviluppa muovendo dall’invenzione e dal sogno dell’artista, alla realizzazione documentata di progetti architettonici, con un percorso che si snoda tra installazioni e grandi immagini fotografiche dove si rincorre la visone del futuro.

Partecipano alcuni dei più rappresentativi artisti contemporanei che fanno del progetto e della costruzione nello spazio il proprio terreno di sconfinamento creativo: Massimo Bartolini, John Bock, Pedro Cabrita Reis, Elmgreen & Dragset, Dan Graham, Ilya & Emilia Kabakov, Anish Kapoor, Tadashi Kawamata, Valery Koshlyakov, Hans Op de Beeck, Luca Pancrazzi, Tobias Rehberger, Andreas Slominski, Patrick Tuttofuoco, Rachel Whiteread.

Il percorso espositivo, proponendo il progetto e la costruzione come atto creativo nello spazio attraverso l’esplorazione di tutte le forme, sceglie inoltre di affiancare alla creazione degli artisti, la realizzazione progettuale di alcuni tra i più importanti architetti internazionali: Christian de Portzamparc, Morphosis - Thom Mayne / fnp architekten, Stuttgart / Peter Cook & Colin Fournier / Bureau des Mesarchitectures - Didier Fiuza Faustino / EMBT - Enric Miralles & Benedetta Tagliabue / COOP HIMMELB(L)AU - Wolf D. Prix, Helmut Swiczinsky + Partner / PTW architects - John Bilman, Mark Butler, Chris Bosse, Melbourne / Herault Arnod Architectes - Isabel Hérault + Yves Arnod.

L’architetto francese Odile Decq, per questa occasione, ha infatti selezionato progetti architettonici sperimentali la cui energia gioca sull’equilibrio tra tensione al futuro, forte coefficiente estetico e nuova attenzione al rapporto tra uomo e ambiente. In mostra saranno presentati grandi ektachrome che dialogano e si confrontano con uno spazio reale e utopico. Sarà, inoltre, realizzato un catalogo bilingue, italiano/inglese, di circa 220 pagine con oltre 150 immagini a colori, testi critici di Danilo Eccher, Odile Decq, Lionel Lemire, apparati bio-bibliografici, edito da Electa.

Inaugurazione 28 maggio 2007, ore 19

Museo d'Arte Contemporanea Sannio - ARCOS
Corso Giuseppe Garibaldi - Benevento
orario: Lunedi chiuso. Martedi/Venerdi 16.30-20.30 (mattina su prenotazione); Sabato e Domenica 10.00-14.00 /16.30-21.30
Ingresso: intero euro 4; ridotto euro 2

  Share
IN ARCHIVIO [18]
Dentro e fuori la pelle
dal 25/9/2014 al 27/10/2014

Attiva la tua LINEA DIRETTA con questa sede